Golden Goose Homme 45

To rekindle the American Dream we must recognize reality. We must stop policy making by myth. The new book Connecting the Dots: Government, Community and Family outlines how our myths affect the ability of our families to meet their basic needs: earning an income, feeding and housing their families, obtaining health care and rearing their children.

Maestro del trasformismo ed interprete di classe, Geoffrey Rush è uno degli attori più eccelsi che la Mecca del Cinema abbia mai concepito, grazie soprattutto a quella presenza scenica che non ha eguali.Laureatosi in lettere inglesi all’Università del Queensland, scopre la passione per la settima arte abbastanza tardi, e cioè, all’età di vent’anni: decide quindi di iscriversi al Brisbane’s Queensland Theatre Company. Nel 1975 parte alla volta di Parigi, per frequentare la Scuola di Mimo di Jacques Lecoq.Il debutto nel mondo dello spettacoloTornato nel paese di origine, Geoffrey, recita in molteplici produzioni teatrali e condivide il suo appartamento con Mel Gibson. Ma la vita non è per nulla facile per i due talentuosi amici, costretti a dormire sul pavimento per mancanza di denaro.L’esordio avviene direttamente sul grande schermo, nella pellicola del 1981 Hoodwink.A quei tempi, il giovane si divide tra cinema e palcoscenico, dirigendo svariati spettacoli di cui è anche protagonista.Il successo con ShineNel 1996, Rush, ormai 45enne, viene travolto da un’altisonante sinfonia di consensi, dovuti alla magistrale performance in Shine di Scott Hicks che gli vale, addirittura, l’Academy come Miglior Attore: il tenero e stravagante personaggio del pianista David Helfgott lo proietta direttamente tra le stelle del firmamento hollywoodiano.Ventiquattro mesi dopo, l’artista ci offre tre impeccabili prove in costume ne I Miserabili, Elizabeth, nonché nel fastoso Shakespeare in Love, dove riceve la nomination all’Oscar come Miglior Attore non Protagonista.Nel 2000, Geoffrey incarna, in modo sublime, i peccaminosi panni dell’eccentrico e conturbante Marchese de Sade, nel bellissimo Quills La Penna dello Scandalo che gli fa conseguire un’ulteriore candidatura alle prestigiose statuette.Interprete, regista, sceneggiatore, musicista: la star, tre anni più tardi, viene ingaggiata dal cineasta Gore Verbinski per dar vita alle pazzesche avventure del Capitan Barbossa e della sua ciurma di stralunati bucanieri ne La Maledizione della Prima Luna, a cui faranno seguito Pirati Dei Caraibi La Maledizione Del Forziere Fantasma e Pirati dei Caraibi Ai confini del mondo.I lavori più recentiNel 2005, il divo si aggiudica un Golden Globe per essersi abilmente cimentato nelle vesti del comico Peter Sellers, nel biografico Tu chiamami Peter.Successivamente, gira il tormentoso romance Paradiso + Inferno, nonché lo storico The Golden Age (2007).

Lascia un commento